BLOG

danni di umidita derivanti dai muri del palazzo condominiale

 COME SI DIFFONDE LA MUFFA IN CASA?  CONOSCERE GLI ASPETTI DI QUESTO PROCESSO E CONTRASTARE LA PROPAGAZIONE

Le muffe che si formano in casa sono definite, in botanica, miceti, esattamente come i funghi del bosco, ma diversamente da questi ultimi, possono provocare seri danni estetici alle abitazioni e far insorgere malanni e disturbi che coinvolgono l'apparato respiratorio, oltre che alterare il sistema immunitario di chi vive e lavora in ambienti contaminati. 

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha iniziato a occuparsi del problema già nel 2000, divulgando varie pubblicazioni e lanciando svariati appelli per allertare la popolazione sul fatto che un’eccessiva presenza di umidità e muffe in casa sia una minaccia per la salute. 

Nel 2015, in Italia, lo stesso Ministero della Salute ha pubblicato un opuscolo informativo dal titolo Umidità e Muffe, al fine di diffondere il tema, far conoscere i rischi e promuovere l’importanza della prevenzione e della bonifica delle abitazioni.

Le muffe sono molto prolifere, inizialmente si presentano con piccoli puntini grigio/neri che, con il passare del tempo, formano una colonia detta micelio e si trasformano in macchie nero-verdastre che danneggiano l’intonaco delle pareti, rovinando la struttura interna ed esterna delle case. Durante la crescita, diffondono un’infinità di spore che, disperdendosi nell’ambiente, vengono continuamente respirate da chi, suo malgrado, risiede nei locali in cui esse sono presenti.

Uno degli elementi che contribuisce alla formazione e proliferazione delle muffe è l'eccessiva umidità ambientale ma va segnalato che esse prediligono i materiali organici, come i derivati del petrolio, le pitture a dispersione, la carta da parati in tessuto organico, la cellulosa e i prodotti del legno. La temperatura degli ambienti interni che maggiormente favorisce la crescita della muffa sui muri è tra i 18° e i 32 °C, mentre l'umidità relativa “ideale” per il suo sviluppo è al di sopra del 60%.

Cosa fare quindi alle prime avvisaglie di muffa sulle pareti?
Innanzitutto, stabilire da dove proviene l’umidità, quindi chiedersi quale siano le cause e capire le corrette misure da intraprendere. 

La muffa e le sue spore sono nocive per l’uomo per questo, se la tua abitazione soffre di questo problema, rivolgiti ai nostri tecnici che, grazie all’esperienza di più di 60 anni, dal 1954, sapranno proporti la giusta soluzione in grado di debellarla definitivamente e impedire che si riformi.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Utilizzando il nostro sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies espressi in questo documento.