olivia paregol

Si può, nel 2018, morire ancora per colpa di muffe e infiltrazioni di acqua? Forse sì. Perché è quanto accaduto recentemente a una giovanissima donna di nome Olivia. La povera ragazza aveva solo 18 anni e una vita intera davanti a sé. Ma è stata stroncata dalla presenza di muffe e virus nell’università in cui studiava. Ogni giorno ci stava a stretto contatto respirando sostanze tossiche, ma la scuola sembra essere intervenuta troppo tardi e Olivia non ce l’ha fatta. Ecco tutti i dettagli della vicenda.

Troppe muffe
La ragazza sembra essersi lamentata più volte a causa delle muffe che c’erano accanto al letto del dormitorio in cui dormiva. Olivia Paregol frequentava l’Università del Maryland e la contaminazione avrebbe interessato il dormitorio di Elkton Hall. Suo padre Ian Paregol, sostiene che la scuola non ha fatto niente (o troppo poco) per sanare l’edificio. «Non ha aiutato la malattia. Penso che sia una dichiarazione davvero corretta. Non sappiamo ancora se c’è una reale causalità, ma non ha aiutato le cose. Voglio dire … a quanto pare c’erano due ragazzi malati quando ci siamo fatti avanti, giusto? E ora ci sono altri tre ragazzi malati», ha spiegato Ian a CBS News.

Una reale connessione?
Purtroppo nessuno sa se la connessione virus/muffe-morte di Oliva sia reale. «I casi di malattia associata ad adenovirus nel campus sono stati osservati sia negli studenti che vivono fuori dal campus, sia tra gli studenti nei padiglioni colpiti da muffa e non. In quanto tale, sembra che non vi sia una connessione coerente tra l’esposizione alla muffa e gli episodi di infezione da adenovirus che colpiscono gli studenti», si legge nelle FAQ.

Immunodepressa
Probabilmente, a peggiorare la situazione, è stato un indebolimento immunitario causato dal morbo di Crohn, malattia di cui Olivia soffriva da tempo. La contaminazione dalle muffe, tuttavia, è stato un problema che durava da troppo tempo. 500 studenti, infatti, avrebbero dovuto essere trasferiti in hotel a causa di rischi per la salute, ma tale trasferimento veniva sempre posticipato.

Le lamentele degli studenti

«Non riesci a dormire la notte perché il cuscino è vicino alla muffa e sei sveglio tutta la notte a tossire. Dovevamo andare a casa nei fine settimana e stavamo bene, poi tornavamo e tiravamo su con il naso, tossivamo e poi ci prendeva il mal di testa», racconta alla CBS, la studentessa Jessica Thompson. Eppure, Ian aveva avvisato la scuola del problema di sua figlia, del rischio che correva a causa di un sistema immunitario indebolito, e aveva chiesto di intervenire al più presto. 

«Se fossero intervenuti una settimana prima, penso che ci sarebbe stato un risultato diverso», commenta Ian. «Abbiamo saputo di un caso isolato di uno studente con Adenovirus solo il 1 ° novembre», ha dichiarato il dottor David McBride, direttore del Centro sanitario universitario, in una dichiarazione rilasciata alla comunità del campus. «Da allora, ci sono state segnalazioni di cinque casi aggiuntivi di studenti con malattia associata ad Adenovirus. Il 19 novembre, abbiamo appreso che il test di un campione inviato al CDC ha rivelato l’Adenovirus 7, un ceppo che può causare una malattia più grave». Per questo motivo il padre di Olivia esorta tutti gli studenti – durante le feste per il ringraziamento – a farsi visitare dal proprio medico.

Share