L’eccesso di umidità generato dalla condensa, dalla risalita capillare, dalle infiltrazioni laterali, dai muri umidi, dalla presenza della muffa, e dalla proliferazione di acari e altri parassiti può causare delle infezioni respiratorie gravi.
Quando le spore rilasciate dalla muffa entrano in contatto con il nostro corpo, possono scatenarsi diversi tipi di reazioni, di intensità variabile a seconda della predisposizione della persona e dalla presenza di patologie pregresse.

Tra le conseguenze sulla salute di muffa e umidità abbiamo in primis una riduzione delle difese immunitarie, problemi respiratori - tra i quali raffreddore, asma, sinusite - irritazione agli occhi, congiuntivite e rossore.

Per evitare i danni alla salute che possono insorgere non è sufficiente pulire le superfici su cui è comparsa la muffa: è in quel momento che le spore entrano maggiormente in contatto con il nostro organismo e si liberano nell’aria che respiriamo.

In questa sezione abbiamo raccolto i nostri consigli per riconoscere i sintomi più comuni dei problemi di salute legati alla presenza di muffa in casa e umidità.

Se hai un problema di muffa, opta per una soluzione definitiva: rivolgiti a dei veri professionisti, che conoscono a fondo il problema e sono in grado di aiutarti con gli strumenti giusti!

img

I micofiti sono microrganismi di origine vegetale che producono spore, particelle di piccole dimensioni che proliferano quando la cellula si trova in condizioni ambientali inadeguate, disperdendosi nell’aria e causando sintomi allergici. Abitualmente presenti nell’atmosfera, possono crescere sia all’esterno che all’interno delle abitazioni. In quest’ultimo caso, si depositano su indumenti, pareti e pavimenti umidi, carta da parati, piante, alimenti conservati in modo non ottimale e negli impianti di condizionamento e di umidificazione dell’aria. 

img

La normativa sul radon nei luoghi di lavoro è stata introdotta per proteggere i lavoratori dall’esposizione a questo gas e prevede l’adozione di un Piano nazionale d’azione per il radon. Il Decreto legislativo 101/2020 disciplina, inoltre, i doveri dei datori di lavoro, tra cui l’obbligo di misurazione del radon e l’attuazione di misure correttive, al fine di ridurre al minimo i rischi derivanti dall’esposizione al radon nei luoghi di lavoro.

img

I termosifoni e l’umidità sono due termini spesso associati quando si parla del riscaldamento all’interno degli ambienti domestici. Ciò accade, soprattutto, con riferimento al fenomeno dell’umidità di risalita. È pensiero comune, infatti, che siano proprio i termosifoni a regolare l’umidità in casa e a prevenire l’insorgere di condensa.

img

Con il termine “muffa” si identificano tutti gli organismi appartenenti al Regno dei Funghi. Si tratta di esseri viventi costituiti da filamenti ramificati molto sottili chiamati ife e dalla spora fungina, responsabile della germinazione. Ciò che permette di vedere la muffa ad occhio nudo, senza ricorrere all’utilizzo del microscopio, è il micelio: l’insieme di tutte le ife.

img

Il radon è un gas nobile radioattivo molto diffuso negli ambienti poco ventilati e negli edifici dotati di alcune caratteristiche strutturali. Si tratta di un gas nocivo e molto dannoso per la salute, da non sottovalutare. 

img

È noto come la presenza di muffe o funghi ponga le basi di un ambiente domestico malsano e dannoso, che favorisce l’insorgere di reazioni allergiche o patologie che inficiano la corretta funzionalità del sistema respiratorio. Le muffe, infatti, sono microrganismi potenzialmente tossici, la cui diffusione avviene tramite la proliferazione di spore riproduttive: l’inalazione di tali sostanze, in grado di colonizzare pareti e superfici domestiche, può portare anche a gravi problemi di salute, tra cui svariate allergie. 

img

Quasi impercettibile ai sensi, il gas radon è una delle sostanze più difficili di cui accertare o quantificare la presenza: per questo, pur essendo un gas di origine naturale, può essere molto pericoloso se non tenuto sotto controllo con dovute precauzioni. 

img

La qualità dell’aria all’interno della propria abitazione è un elemento fondamentale per la salute propria e di chi vive con noi. Tra i numerosi fattori che possono influenzarla ci sono sicuramente quelli legati alle diverse specie di batteri e muffe. In particolare, queste ultime sono una tipologia di fungo che prolifera in ambiente domestico in presenza di determinate condizioni di umidità e temperatura. 

img

Troppo spesso si tende a ridurre il problema della muffa ad un semplice problema estetico che comporta conseguenze solamente sull’aspetto esteriore di un ambiente domestico, sia esso al chiuso o all’aperto.